Chiesa di Sant'Agata nel Carmine La chiesa, appartente al Convento dei Carmelitani sin dal 1391, fu rinnovata nel 1730 da Gian Battista Caniana. L'interno a navata unica ha cinque cappelle su ogni lato. La cappella mediana di sinistra, dedicata alla Madonna del Carmine, ha un maestro altare barocco di Filippo Juvarra. Notevole nella prima cappella di sinistra la Madonna col Bambino e Santi, di legno intagliato e dorato di inizio sec. XV. Nella quinta cappella di destra una Veduta della Città di Bergamo del 1629.

Church of Sant'Agata in Carmine The church, that belongs to the Carmelite Convent since 1391, was renewed in 1730 by Gian Battista Caniana. The interior has a single nave with five chapels on each side. The median chapel on the left, dedicated to Our Lady of Mount Carmel, has a baroque altar master of Filippo Juvarra. Notable in the first chapel on the left the Madonna and Child with Saints, carved and gilded wood starting from the early 15th century. In the fifth chapel on the right a view of the city of Bergamo in 1629.

Via Bartolomeo Colleoni, Bergamo, Italy

Subjects
Piazetta di San Pancrazio Le città medievali italiane erano divise in quartieri, a Bergamo chiamati vicinie, altrove contrade o sestierl. Prendevano nome dalla chiesa locale, eleggevano i consoli, curavano l'assistenza, l'ordine pubblico, il decoro della chiesa, il mercato. La piazzetta della Vincinia di S. Pancrazio ha al centro la fontana disegnata nel 1549 da Leonardo Isabello, figlio del plù noto Pietro Isabello, autore di molti palazzi e chiese della Città. Nella Civica Biblioteca si conservano ancora su pergamena i verabali delle assemblee dei vicini di S. Pancrazio tenute nel sec. XIII.

Piazetta of San Pancrazio The Italian medieval cities were divided into districts, in Bergamo called vicinie, districts or elsewhere sestierl. Were named by the local church, elected the consuls, took care of the assistance, public order, the decoration of the church, the market. The square of Vincinia S. Pancrazio in the center fountain designed in 1549 by Leonardo Isabello, son of PLU known Peter Isabello, author of many palaces and churches of the city. In the Public Library they are still preserved on parchment verabali the assemblies of neighbours of San Pancrazio held in 13th century.

Piazetta di San Pancrazio, Bergamo, Italy

Subjects
Torre del Gombito In età comunale si eressero in Città alte torri nobiliari, dapprima come segno di potenza e distinzione, poi di egemonia militare nelle lunghe lotte tra fazioni cittadine. Simbolo della città turrita medievale, questa torre, unica superstite di quelle private, fu eretta all'inizio del sec. XII. Alta 53 metri, si impone per la compattezza della muratura in arenaria e la perfetta tecnica muraria. Nel 1877 è stata donata al Comune dagli ultimi proprietari.

Gombito Tower In the communal period they were erected in high noble towers City, first as a sign of power and distinction, then military hegemony in the long battles between city factions. Symbol of the city Medieval turreted, this tower, the only survivor of the private ones, was built at the beginning of the 12th century. It is 53 meters high, with an imposing compactness of sandstone masonry and the perfect masonry technique. In 1877 it was donated to the City by the last owners.

Torre del Gombito - Via Gombito, Bergamo, Italy

Subjects
Cittadella Principale testimonianza del dominio visconteo a Bergamo, che dal 1333 si protrasse sino al 1428, quando la Città passò sotto la dominazione veneziana. Formatosi con l'edificazione da parte di Rodolfo Visconti nel 1379 di alloggiamenti della guarnigione, il complesso, denominato Hospitium Magnum, ha subito numerosi interventi. Il portico visconteo ad archi ogivali è stato restaurato nel 1958. Nella Cittadella hanno oggi sede il Museo di scienze naturali Enrico Caffi e il Museo Archeologico.

Citadel Principal source of Visconti rule in Bergamo, which lasted from 1333 until 1428, when the city came under the rule of Venice. Formed with the building by Rodolfo Visconti in 1379 of the garrison quarters, complex, called Hospitium Magnum, he has undergone numerous interventions. The porch Visconti with pointed arches was restored in 1958. In the Citadel today houses the Enrico Caffi Museum of Natural Science and the Archaeological Museum.

Piazza della Cittadella, Bergamo, Italy

Subjects
Piazza Nuova Oggi intitolata a Lorezno Mascheroni, insigne matematico e letterato, assunse la forma attuale nel 1520, quando venne destinata al mercato di granaglie e biade. Fu chiamata Piazza Nuova per distinguerla dall più celebre Piazza Vecchia già aperta da quasi un secolo nel centro della Città. Sul lato sud è il settecentesco Palazzo Roncalli. Nel corso del restauro eseguito nel 1983, si scopri che nella facciata era stato inglobato il fronte della Loggia dei Mercanti, realizzata su progetto di Andrea Ziliolo nel 1520.

New square Now named after Lorezno Mascheroni, a distinguished mathematician and scholar, it took its present shape in 1520, when it was destined to the market of grain and fodder. It was called New Square to distinguish it from the most famous Piazza Vecchia already open for nearly a century in the center of the City. On the south side is the eighteenth century Palazzo Roncalli. During the restoration carried out in 1983, it was discovered that the facade had been incorporated into the front of the Loggia dei Mercanti, built to a design by Andrea Ziliolo in 1520.

Piazza Lorenzo Mascheroni, Bergamo, Italy

Subjects
Luogo Pio della Pietà Bartolomeo Colleoni donò nel 1475 la sua casa cittadina, che usava per l'amministrazione delle proprietà , all'istituzione benefica da lui fondata nel 1466 per il sostegno di ragazza povere. In parte demolito e riedificato nel sec. XIX, l'edificio conserva al piano terreno due sale originarie: all'interno della prima, si trovano sculture di Giovanni Antonio Amadeo; nella seconda sala, di maggior pregio e riservata al Consiglio del Luogo Pio, la volta e le pareti sono affrescate con figurazioni allegoriche della fine del sec. XV.

Pius Place of Mercy Bartolomeo Colleoni gave in 1475 his town house, he used for the administration of the properties, beneficial to the institution he founded in 1466 to support poor girl. Partly demolished and rebuilt in 19th century, the building retains the original ground floor two rooms: in the first, there are sculptures by Giovanni Antonio Amadeo; in the second room, the most valuable and reserved to the Board of Pius Place, the vault and the walls are frescoed with allegorical figures of the end of the 15th century.

Via Bartolomeo Colleoni, Bergamo, Italy

Subjects